Giro della memoria – 25 aprile 2015

giro della memoria 4Qualche giorno fa, passeggiando per Loano, abbiamo deciso di visitare la mostra allestita presso il Comune, intitolata “1945-2015, 70° Anniversario Liberazione di Loano”.

Tutti conosciamo la Seconda Guerra Mondiale: l’abbiamo studiata a scuola, abbiamo letto libri, visto film, eppure imbattersi nelle storie di chi l’ha vissuta in prima persona provoca sempre una forte emozione. Documenti e testimonianze raccontavano le storie di partigiani, ebrei perseguitati (anche qui, proprio nella nostra città) e semplici cittadini protagonisti di fatti salienti avvenuti a Loano e dintorni. Un volontario dell’ANPI accompagnava la visita, fornendo spiegazioni e raccontando aneddoti in risposta alle nostre domande.

Abbiamo lasciato Palazzo Doria portandoci dietro commozione, un interessante libro su partigiani e vittime della nostra città e la voglia di incamminarci alla scoperta dei nostri luoghi della memoria… e quale data migliore del 25 aprile? Continua a leggere

Annunci

Capraia Wild Trail – 12 aprile 2015

di: Giulia
Capraia Wild Trail 4Quasi 150 partecipanti per un percorso di 20 km con 900 D+ sui sentieri rocciosi e pietrosi di un’isola meravigliosa e davvero wild, come gli organizzatori, amici che ci avevano già invitato al Firenze Urban Trail e responsabili pure dell’imponente Lavaredo Ultratrail, hanno voluto sottolineare nella scelta del nome della gara.
Attraccati al porto dopo un viaggio di quasi 3 ore su un traghetto popolato praticamente solo da simpatici trailers (ma anche corridori di strada) toscani, di capre nessuna traccia (wikipedia dice che le capre selvatiche e le foche monache, un tempo fauna caratteristica dell’isola, si sono ahinoi estinte un bel po’ di tempo fa). Ma ecco che alla consegna del pacco gara spunta finalmente il primo esemplare… stampato sulla t-shirt tecnica, bella anche se pensata in modello unisex che per noi ragazze sempre più numerose a questo tipo di eventi sportivi sembra un po’ un dispetto. Ma pazienza, la prima mezz’oretta di giro dell’isola fa cancellare qualsiasi malumore per lasciare spazio allo stupore e alla curiosità di scoprire il percorso che avremmo affrontato il giorno successivo.

Continua a leggere

25 aprile 2015 – Giro della memoria

25 aprile

Giro molto bello, non troppo impegnativo, interessante anche dal punto di vista storico. Una parte del percorso sarà quasi sicuramente una prima volta per molti.

Partenza dal parcheggio davanti al cimitero di Verzi (km 0), salita al Colletto sopra Verzi, San Martino, Cascina Porro, strada per Giogo di Giustenice (cippo e luogo dove sono caduti 4 partigiani – km 7,1, 1h 30′), strada dell’uranio, rifugio Pian delle Bosse (km 9,75, 2h), aperitivo e/o pranzo, discesa a Verzi (km 13,5 2h30′). Continua a leggere

Incontro con l’atleta: Matteo Nardulli

Alcuni corrono per tenersi in forma, altri per smaltire lo stress, altri ancora per sgranchire le gambe dopo ore passate dietro ad una scrivania. E poi c’è chi lo fa per passione, come Matteo Nardulli: il suo entusiasmo è contagioso e lo condividiamo con gioia, sperando che tutti possano trarre dallo sport lo stesso piacere che ne ricaviamo noi.

Matteo NardulliNel giro di una settimana hai partecipato a due competizioni impegnative: quella di casa, la Vibram Maremontana (49 km), e un’altra ligure, lo SciaccheTrail di Monterosso (47 km), entrambe con un dislivello positivo di circa 3000 metri. Vuoi parlarci di queste esperienze?

Beh, sicuramente sono fortunato! Fortunato perché nel giro di 7 giorni ho potuto veramente apprezzare la bellezza della mia terra natale in tutte le sue sfaccettature: dalle creste alpine innevate, piovose e fangose della Maremontana alle interminabili scalinate dei borghi e gli scorci a picco sul mare sotto un cielo senza neanche una nuvola dello SciaccheTrail. Due trail molto diversi, ma entrambi molto duri sotto l’aspetto della tecnicità del percorso; due gare che ti spremono fisicamente e mentalmente, ma ti donano emozioni e sensazioni davvero uniche! Ci tengo a ringraziare gli organizzatori per averci permesso di correre in sicurezza e per averci coccolati dall’inizio alla fine delle manifestazioni. Organizzazioni che posso tranquillamente considerare alla pari delle gare più blasonate a livello mondiale.

Siamo sicuri che stai già progettando di partecipare ad un altro trail. Continua a leggere

LA MIA VIBRAM MAREMONTANA #11

di: Giuseppe (23 km)

È stata la mia prima Maremontana nonché la mia prima corsa «trail», ma devo dire che nonostante l’evidente difficoltà per chi non è pratico di questa specialità, mi è piaciuta molto.

La pioggia non mi ha disturbato più di tanto, ma ho corso tutto il tempo con la giacca anti pioggia, il che mi ha fatto sudare parecchio. L’acqua è entrata dappertutto: a partire dalle scarpe — nonostante fossero fatte apposta per limitare l’intrusione dell’acqua — fino allo zaino-evidentemente-non-abbastanza-impermeabile che conteneva il materiale obbligatorio, compreso il telefono cellulare che ha preso così tanta acqua che ho dovuto buttarlo (lezione imparata).

Invece ho capito cosa vuol dire «finire l’energia». Continua a leggere